Archivio mensile:febbraio 2009

Installare VirtualBox Guest Additions su Ubuntu

VirtualBox Main

Nell’articolo in cui ho introdotto la virtualizzazione utilizzando VirtualBox, ho tralasciato un dettaglio che potrebbe migliorare in maniera significativa l’esperienza con le macchine virtuali : l’installazione delle VirtualBox Guest Additions. Le Guest Additions, come dice il nome stesso, vanno installate all’interno della macchina virtuale e consistono in driver ed applicazioni di sistema che ottimizzano il sistema operativo guest per migliorare prestazioni ed usabilità.
Pensate ad esempio alla comodità di poter passare dall’host al guest in maniera trasparente, senza la necessità di dover catturare esplicitamente l’input del mouse e rilasciarlo con il tasto CTRL.
Grazie alle Guest Additions vengono inoltre installati i driver video ed attivate funzionalità come cartelle condivise ed appunti condivisi.
Dopo queste breve introduzione, vediamo ora come installare le Guest Additions su Ubuntu come sistema operativo Guest.

Continua a leggere

Indentare codice facilmente con UniversalIndentGui

Sia che siate dei programmatori professionisti o che abbiate appena iniziato a studiare un nuovo linguaggio di programmazione, vi sarete sicuramente resi conto di quanto una buona indentazione del codice possa aumentare la leggibilità del programma. Oltre ad un aumento della leggibilità l’indentazione del codice dovrebbe essere anche una norma di buona programmazione perché fornisce un riscontro visivo della logica del flusso di esecuzione, per questo, gli editor di testo più diffusi, come SCiTe o notepad++, forniscono l’indentazione automatica del codice durante la scrittura.
Non esiste però uno stile di indentazione universale, anzi, vi sarete resi sicuramente conto di quanto possa variare lo stile tra diversi programmatori.
UniversalIndentGui permette di cambiare facilmente lo stile di indentazione dei sorgenti scritti nei più comuni linguaggi di programmazione come C, C++, JAVA, PHP, RUBY, PERL, PYTHON, CSS, HTML.

Continua a leggere

TCP-Z – Modificare al volo il limite di connessioni del file tcpip.sys su Windows

evento-tcp-ip-4226-main

Per cambiare il limite di connessioni su sistemi operativi Windows è possibile usare Half-Open Limit Fix, un patcher che si occupa di cambiare il limite di 10 connessioni nel file tcpip.sys, o ,in alternativa, utilizzare il programma TCP-Z che è in grado di cambiare questo limite al volo, in memoria, senza la necessità di intervento sul file di sistema.
TCP-Z, oltre a permettere di cambiare il numero di connessioni massime, senza necessità di riavvio, ha funzionalità analoghe a quelle di Half-Open Limit Fix perché permette anche di patchare in modo definitivo il file tcpip.sys

Continua a leggere